Passa ai contenuti principali

Batik (imitazione) con pastelli a cera


Quest’estate abbiamo sperimentato delle tecniche nuove. È arrivato il momento di elaborare il materiale e riflettere sui risultati. Uno di questi sperimenti era il batik (per cosi dire) fatto con i pastelli a cera. Si può trovare tanti similitudini tra questo modo di dipingere il tessuto e la tecnica di Batik (presenza di cera, uso del ferro caldo per togliere la cera), ma ci sono anche differenze.

Io quella volta non ho potuto fare il mio lavoretto personale perché ero nel ruolo di apprendista nella nostra bottega improvvisata: servivo i pennelli puliti alle artiste, mantenevo nello stato liquido i colori.
Le bambine (mia figlia e la cuginetta) potevano lavorare tranquillamente. Con la mia supervisione nessuno si è scottato.

Ecco il procedimento.
Ho preparato il tessuto di cotone nei cerchietti da ricamo.
I pastelli a cera scioglievo nelle vaschette di plastica e li tenevo liquidi a bagnomaria. Non scioglievo tutti colori contemporaneamente ma uno dopo l’altro. Per esempio cominciamo con arancione, ogni una lavora con elementi di questo colore.








Passiamo a un alto colore è cosi preparavo tutti colori uno dopo l’altro.




Alle bambine è piaciuto lavorare con il pennello. Sembrava di dipingere ad olio,  pennello “scivola” facilmente sul tessuto, lasciando i segni pastosi di colore. Ma… pochi secondi è il colore si è già raffreddato. Bisogna scaldare di nuovo il pennello immergendolo nel colore tiepido.




Ecco è finita la prima parte. Il quadro si presenta in rilievo si vedono bene le pennellate.






Pronti per il prossimo passo: eliminazione della cera con il ferro da stiro (…e tanti tanti giornali). A questo passaggio le bambine non hanno partecipato (mi sono divertita da sola!)

Si vedono i segni neri del pennarello per il tessuto: per dare un può di contrasto al disegno o creare l'effetto craquelè che è presente in certi tipi di batik (nel nostro caso, siccome si trattava dei lavori delle bambine non siamo impenniate più di tanto per imitare la craquelure).








Finalmente il tessuto è libero dalla cera, si vede bene in questa foto.




Ecco alla fine i lavori delle bambine.
"La farfalla"


"Uccellino".

Lo vedete l’uccellino? Io lo vedevo bene al l’inizio poi lo un può perso. Ma la combinazione di colori mi piace.

Volete ancora più informazioni su questa tecnica sperimentale? Allora vi consiglio di guardare questo post con le foto dei bellissimi cuscini creati con il tessuto decorato con pastelli a cera. Mi sa che vorrete provare anche voi.

Commenti

  1. Очень красивые работы на пяльцах! А какие это краски? Для ткани?

    RispondiElimina
  2. Татьяна Теодоровна, вся хитрость в том что это восковые мелки растопленые на водяной бане, которые потом убираются (то есть воск от мелков)с помощю горячего утюга через газету.

    RispondiElimina
  3. Tatiana cara questa volta devo farti non solo i miei complimenti ma anche quello delle mie figlie che sono tue fedeli lettrici!
    Un abbraccio e felice settimana Monica

    RispondiElimina
  4. non conoscevo questa tecnica per fare il batik... il risultato è stupendo! sto già pensando ad un laboratorio natalizio ... per le borse di cotone della spesa... poi si può lavare vero? bravissime!

    RispondiElimina
  5. Stupendo!!! Mi sa che proviamo anche noi... :D

    RispondiElimina
  6. @ letrecivette: !!!...non ci credo Monica!
    é la notizia più bella da quando ho questo blog!
    (il fatto che ho due giovane lettrici mi stimola molto)
    Ti ringrazio tanto e auguro una felice settimana

    @zzoe: sinceramente non li ho ancora lavati. Al massimo nel'acqua fredda a mano (bisognerebbe provare) e grazie per i complimenti!!!!!

    @Sunshine: attenzione, non scottatevi e buon lavoro!

    RispondiElimina
  7. Ciao! Che bello il tuo blog. Molto interessante. E questo batik davvero fantastico. Grazie

    RispondiElimina
  8. le idee che hai trovato per utilizzare i colori a cera mi entusiasmano tantissimo!! sia questa che quella su tela e li sperimenterò sicuramente!!! bravissima!!

    RispondiElimina
  9. grazie Stella, come sono contenta!
    Sai certe volte ho voglia di idee originali, altre volte mi vanno bene anche quelle banalissime, importante che i bambini si divertano a creare, vero?

    RispondiElimina
  10. Fantastici questi risultati, é sempre un piacere seguirvi! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. I wish there was a way to translate your blog to English - I'd love to be able to read what you're saying. The pictures interest me a lot.

    RispondiElimina
  12. Mi piace tantissimo!
    Questo lo devo far fare anche alle mie bimbe.

    Bellissima idea, grazie della condivisione!

    RispondiElimina
  13. Non avevo mai provato a fare il batik in questo modo.
    Il risultato mi piace molto, penso proprio che proverò.
    Sei bravissima come sempre
    cari saluti
    nunzia

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto nascere una gran curiosità vedendo queste particolari creazioni.
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
  15. @Phyl: Thank you, I,too, wish I could translate it on english, but for the moment there is only google translator.

    RispondiElimina
  16. @Monica:) grazie Monica, con la pratica che hai di dipingere la stoffa ti verrà benissimo e anche alle tue bimbe.

    @cose di lino: grazie a te Nunzia

    @Gabriella: ...veddiamo che cosa nascerà...
    grazie Gabriella!

    RispondiElimina
  17. bellissimo, i miei complimenti per la prossima estate potresti fare decorare i vestiti alle bambine :-)

    RispondiElimina
  18. grazie! Di sicuro non mi fermo quà, proverò...

    RispondiElimina
  19. Anonimo4.4.13

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  20. Anonimo4.4.13

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento