14 mag 2011

Maglietta rinnovata con pastelli a cera.

Non so ancora se abbiamo fatto una cosa bella oppure no. Ho cercato informazioni sul web su questa tecnica ma ho trovato pochissimo. Perciò decidete voi se è un metodo di dipingere sul tessuto valido.
Ecco la nostra esperienza:
Nel nostro armadio c'era una vecchia maglietta rosa un po' noiosa.
Abbiamo deciso di rinnovarla.
Ricordando la tecnica di batik che si basa sull'uso della cera delle api e che in indonesiano vuol dire "scrivere con la cera" abbiamo provato a rinnovare la nostra maglietta con pastelli a cera.



Per prima cosa abbiamo grattato qualche pastello a cera sulla grattugia fine. Poi abbiamo creato il disegno sulla maglietta spargendo con le mani i pastelli grattugiati dopo aver infilato due - tre fogli di carta dentro la maglietta per impedire che l'impronta passasse anche sul lato posteriore.
Ci siamo resi conto che per una migliore riuscita del lavoro lo strato del pastello grattugiato deve essere sottile.
Dopo la mamma ha proseguito da sola appoggiando un foglio bianco sopra il disegno e passando sopra il ferro da stiro caldo.
Con il calore il disegno rimane fissato sul tessuto invece la cera viene assorbita dalla carta.
Sui fogli bianchi che abbiamo usato è rimasta l'impronta grassa e colorata del disegno.
Dopo aver indossato la maglietta, quando è arrivato il momento di
lavarla, la mamma ha preferito farlo a mano nell'acqua fredda. Ne ha
stirato solo le parti dove non c'è il disegno.
Foto dalle vacanze pasquali con la maglietta "nuova"

Vi segnalo due post interessanti sul tema dal post Unconventional Mom:
http://un-conventionalmom.blogspot.com/2011/06/magliette-personalizzate-come-regalo-di.html
http://un-conventionalmom.blogspot.com/2011/07/telo-mare-fai-da-te-per-la-barbie.html

28 commenti:

  1. Stupenda!!! Sei una fonte inesauribile d'idee!!!
    Anch'io ho un lavoretto da fare con pastelli a cera e ferro da stiro ma non trovo mai il momento giusto!

    RispondiElimina
  2. Grazie Sunshine! sono molto curiosa... farai vedere il tuo?

    RispondiElimina
  3. очень интересный вариант горячего батика! надо тоже попробовать))

    RispondiElimina
  4. fantastica! soprattutto per riciclare tutti i pastelli a cera che non vengono più usati.

    RispondiElimina
  5. Какая прекрасная маечка у замечательной девочке!Татьяна это вы делали восковыми мелками? Очень красиво!

    RispondiElimina
  6. molto efficace! La tecnica batik l'avevo provata, ma lì la cera serve solo a "dare i confini" al colore, e poi si toglie tutta. Tu l'hai usata "in positivo". Il tessuto è rimasto abbastanza morbido?!? Proveremo!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie tri mamma!, si, per riciclare i pastelli e se vogliamo... per nascondere qualche macchia sul tessuto...

    @nata и TEO Татьяна: спасибо, я смотрю вы и без перевода всё понимаете, скоро тоже заговорите на итальянском! да это восковые карандаши

    RispondiElimina
  8. @ vogliounamelablu - grazie!
    Anche in questo caso, penso, la cera viene assorbita dalla carta: quelle macchie grasse sui fogli...

    Guarda, il tessuto dove lo strato del pastello erà molto leggero è rimasto morbido, invece nelle parti dove ne avevamo messo di più è diventato più duro, senza parlare dei momenti dove abbiamo esagerato con spessore: il colore non è riuscito ad entrare nel tessuto e si è formata una spece di crosta che si è staccata quasi subito.
    Se volete decorare una maglietta, consiglio di fare prima una prova per capire come deve essere lo strato del pastello gratugato.

    RispondiElimina
  9. ciao Tatiana, complimenti per le splendide idee con i bambini. Ho visto che mi hai inserita tra i blog che segui e visto che anche a me piace molto il tuo blog, provvederò al più presto a ricambiare la preferenza inserendoti nel mio blogroll. un caro saluto Antonietta

    RispondiElimina
  10. bellissima idea!! Poi per lavarla? meglio a mano a freddo? baci e grazie
    Vale

    RispondiElimina
  11. Mi piaci così tanto che ti ho passato un premio! vieni da me quando puoi!

    RispondiElimina
  12. Grazie Antonietta, mami, Ester!

    RispondiElimina
  13. Bello! La tecnica dei pastellia cera sciolti col ferro l'abbiamo usata per una decorazione che posteremo domani... ma non avevo pensato alle magliette: geniale!

    RispondiElimina
  14. Grazie Monica:), sono curiosa di vedere il vostro lavoro! e imparare qualche cosa di nuovo...

    RispondiElimina
  15. Ecco un modo meraviglioso per riciclare colori cera... ne abbiamo un quintale inutilizzati :( lo faremo sicuramente! :)

    RispondiElimina
  16. Quante cose belle imparo qui! Anche questa non la sapevo! E' una bella idea anche per recuperare quelle magliette macchiate, come dici tu(sai i bambini quando mangiano). Ci facciamo sopra questa cosa e la macchia viene nascosta o mimetizzata! Grazie!

    RispondiElimina
  17. mitica! posso copiare tutte le tue idee??? complimentissimi!

    RispondiElimina
  18. Grazie Donatella! Certo!

    RispondiElimina
  19. Che bello! Sono arrivata sul tuo blog da un altro, ma non ricordo quale! Bellissimi i tuoi post sulle varie tecniche di disegno ma questo in particolare mi piace molto perchè mi piace decorare le magliette in tinta unita del mio bimbo! Ciao, Claudia

    RispondiElimina
  20. Grazie Claudia, ti capisco, anche a me piace tanto. Sono sempre alla ricerca delle magliette bianche a poco prezzo per poi decorare e sperementare a casa

    RispondiElimina
  21. Anche io ne compro parecchie per lo stesso motivo. Spesso le trovo in offerta all'Ipermercato :-)

    RispondiElimina
  22. ciao, qst sera, causa turno notte marito xd, ho provato con alcuni pastelli a creare un cuore ma è difficile mettere sopra i pastelli, cioè li ho grattuggiati già sulla t-shirt ed è risultato difficoltoso posizionare tutto con un senso, come hai fatto tu??ti sei aiutata con qualcosa??voglio riprovare app mi risponderai, grazie

    RispondiElimina
  23. Ciao Claudia, li abbiamo grattuggiati prima sui fogli di carta. Ogni foglio - un colore. Poi con le mani abbiamo formato questo disegno di fiori molto semplice e spontaneo. Potresti disegnare un leggero contorno con la matita per esempio.
    Fammi sapere.

    RispondiElimina
  24. Ospite7.8.12

    Ciao! Ho appena trovato questa pagina, mi è piaciuta l'idea della tecnica con pastelli a cera! Posso sapere quanto tenga questo tipo di colorazione sulla stoffa a distanza di tempo e dopo vari lavaggi? Complimenti e grazie in anticipo!

    RispondiElimina
  25.  Ciao! Dopo due anni e qualche lavaggio in lavatrice (a 30 gradi) il disegno è un po' sbiadito ma resiste ancora.

    RispondiElimina
  26. Ospite21.9.12

    Grazie per l'utile risposta, Tatiana! Ho un paio di idee per decorare delle magliette per le quali questa tecnica, che non dà contorni precisi, sembra molto adatta.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  27. Molto bella quest'idea, devo assolutamente provarla quando torno a casa! Piacere di averti conosciuta un po' sul tuo blog! Lena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere Lena!
      Io devo riprovare (di primavera mi viene ispirazione:)

      Elimina